Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Contatti

Partito Democratico Moiano
Via A. Marchini, 24/26 - Moiano
06062 - Città della Pieve (Pg)
Tel./Fax +39 0578.294534
e-mail: web@pdmoiano.it

 

Scrivi al Circolo: info@pdmoiano.it oppure circolo@pdmoiano.it

Accesso alla webmail (solo per i titolari della casella di posta nome.cognome@pdmoiano.it)

 


Visualizzazione ingrandita della mappa 

Strumenti personali

Partito Democratico Moiano (Perugia)

Il portale del Partito Democratico di Moiano (Perugia). Se ti registri al sito potrai accedere a sezioni riservate, inserire commenti e proporre contenuti.

Orfini a Cuperlo: "Sei un traditore"

Matteo Orfini, presidente dell'Assemblea nazionale del Pd, risponde così a Gianni Cuperlo via Facebook, in merito alla non partecipazione al voto sul Jobs Act da parte di 29 deputati del partito.

«Vedi caro Gianni, ieri è successa una cosa molto grave. E per me dolorosa. Dopo mesi di discussione, dopo un impegno collettivo nella modifica di un testo importante, dopo un paziente lavoro di sintesi, al momento del voto finale una parte del nostro partito ha deciso di non rispettare le scelte e il lavoro che tutti insieme avevamo fatto». Matteo Orfini, presidente dell'Assemblea nazionale del Pd, risponde così a Gianni Cuperlo via Facebook, in merito alla non partecipazione al voto sul Jobs Act da parte di 29 deputati del partito.

L'amaro calice è andato di traverso - «Tu ricorderai che all'inizio di questa legislatura io più di altri avevo perplessità sulla scelta di far nascere un governo insieme a Berlusconi. Ricordo un colloquio che ebbi con te in parlamento, in cui mi spiegasti che in quelle condizioni e dopo una decisione assunta collegialmente, non si poteva che bere l'amaro calice. Perché proprio nei momenti difficili è doveroso farsi carico collettivamente delle responsabilità, anche se non si condividono quelle scelte. Ti ascoltai, caro Gianni, perché quelle tue parole venivano da lontano, da una cultura politica antica che in questo paese ha sempre contraddistinto la sinistra italiana. Ieri - aggiunge Orfini - ho visto tanti nostri parlamentari farsi carico di una scelta difficile. Con grande dignità e con grande passione. Qualcuno si è commosso per la tensione. Ma tutti erano convinti che si doveva difendere il lavoro fatto insieme per migliorare il testo. Anche chi aveva dei dubbi su questo o sul quel passaggio. E -come sai bene- su alcuni aspetti li avevo anche io. Lo hanno fatto perché il Jobs act è cambiato in meglio e oggi è un provvedimento utile grazie al lavoro di tutti».

Avete fatto un grave errore - Dice ancora Matteo Orfini: «Quelle centinaia di nostri parlamentari che ieri hanno fatto quella scelta difficile sono la ragione per cui qualcuno ha potuto distinguersi senza che accadesse nulla di irreparabile. Beh, caro Gianni, fattelo dire: oggi credo che siano quelli ad aver interpretato al meglio la mia idea di partito; mi permetto di dire, ricordando quel colloquio sul governo Letta, la nostra idea di partito. Se tutti ci comportassimo come ieri avete fatto voi, questo partito diventerebbe uno spazio politico, e non un soggetto politico (per citare Bersani). E non durerebbe a lungo. Ma c'è un altro aspetto che mi colpisce della tua lettera. Forse è utile approfondirlo. Io non sono 'entrato in maggioranza' per il semplice fatto che per me non esistono più una maggioranza e una minoranza del Pd: esiste il Pd, in cui ci sono donne e uomini liberi che si impegnano, pensano, combattono per migliorare la situazione del nostro malandato paese».

Leonelli: Qualcuno blocca il rinnovamento

Giacomo Leonelli, segretario regionale del Pd Umbro in una intervista  di Diego Aristei al Corriere dell'Umbria del 6.11.2014.

Dimenticate subito il "tenero Giacomo" mai offensivo, mai sopra le righe.Con il suo carattere positivo ha conquistato il cuore di tutti. Un vero e proprio pa­cioccone. Giacomo Leonelli, segretario regionale del Parti­to democratico, è invece un fiume in piena. E' pronto al braccio di ferro con chi all'interno del Pd umbro non vuole il rinnovamento.Se necessario sbattere anche la porta e salutare tutti. Pugno duro contro il gruppo consiliare re­gionale democratico che ora si trova di fronte una sola strada: rispettare quanto deciso dalla direzione Pd. Le distanze tra il gruppo guidato da Renato Locchi e il numero uno di piazza della Repubblica sono evidenti al punto che Leonelli non parteciperà più alle riunioni a palazzo Cesaroni. La rabbia sul volto di Leonelli è tanta.Secondo lei c'è la volontà di fare questa benedetta legge elettorale?
"La direzione ha indicato un percorso che va verso la scelta dell'introduzione della preferenza di genere, l'abolizione del listino e il collegio unico, se all'interno del consiglio regionale,c'è una maggioranza su questa ipotesi.Ecco i paletti che il Pd ha posto e il grup­po consiliare deve prendere atto"
La responsabilità a questo patto cade su Locchi e compagni. "Direi proprio di sì. Ricordo a tutti che la direzione regionale non è un organismo di amici ma figlia delle primarie. Per quanto mi riguarda questo è un capitolo chiuso al punto che non parteciperò più ai lavori del gruppo. I consiglieri Pd sanno come devono comportarsi".
E veniamo alle primarie.Si fa­ranno? ''Anche qui facciamo chiarezza. Le primarie non sono un interruttore che accende e spegne il segretario.Tre giorni fa è arrivata la comunicazione ufficiale della presidente Catiuscia Marini che si rende di­ponibile per il secondo mandato. Se c'è il 30% di firme del­ l'assemblea Pd o il 15% degli iscritti che chiedono le primarie, indicando un'altra candiatura, queste si faranno. ln caso contrario no".
Scusi Leonelli ma all'interno del Pd qual è il giudizio sulla Marini? Dagli interventi alla direzione tutti, dico tutti, seppure con sfumature diverse hanno chiesto di ricandidare la presidente.Adesso il dibattito è all'intemo dei circoli".
Ne sapremo di più alla prossima assemblea regionale? "L'assemblea prenderà qual­che decisione mettendo anche paletti per il futuro".
Ad esempio su le deroghe o su chi potrà partecipare alla competizione? 
Voglio essere chiaro. Dobbiamo dare segnali d'innovazione. Non sono disponibile a guidare un percorso dove tutto resta fermo, dove non si percepisce un segnale di rottura con il passato che il nostro popolo invoca".
C'è questo rischio? Ci sono esponenti del partito che bloccano questo rinnovamento? "Mi sembra evidente. In molti non c'è ancora la consapevolezza che bisogna voltare pagina. Non possiamo risolvere il tema della rottura con il passato unicamente con le primarie. E se dovesse vincere una figura che guarda al passato?".
Leonelli parliamo di lei. Si candida o no? E' difficile se non impossibile, essere arbitro e giocatore al tempo stesso. "E' un falso problema. I segretari sono quasi tutti consiglieri se non addirittura presidenti di Regione o parlamentari. Fatta questa premessa dico che sono a disposizione per dare un contributo soprattutto a Perugia. Ma non voglio essere di peso".
E quindi? "Se si va verso una mia candi­datura in consiglio regionale, metterò in campo tutti gli strumenti per rendere trasparente e serena la competizione".
Non pensa di mettere a rischio la sua segreteria? In sostanza se dovesse essere bocciato dagli elettori, si troverebbe di fronte solo una strada: le dimissioni. E i suoi avversari all'interno del Pd alzerebbero in alto i calici. "Come Matteo Renzi sono abituato a metterci la faccia. Se dovessi candidarmi e non essere eletto chiaramente mi dimetterei. 
Leonelli, pensa di avere saldamente in mano il partito? "M'interessa essere coerente con il progetto di Renzi in chiave nazionale e il mio per quanto riguarda l'Umbria. Se il progetto funziona si va avanti altrimenti faccio un passo indietro".
Perché il sondaggio non è stato reso pubblico? "I sondaggi sono fatti per fotografare una situazione e lavorare di conseguenza. Il risultato è tutto sommato posi­tivo anche se vedo alcune criticità soprattutto a Perugia.
E sui nomi? "Una scelta voluta a livello nazionale per capire qual è l'intenzione degli elettori. Una polemica che non esiste".
Il Pd è un partito a vocazione maggioritaria. Questo significa che può correre da solo? "Noi elaboreremo un programma e un progetto di go­verno. Se questo avrà affinità con gli alleati bene altrimenti, correremo da soli".
Per concludere una curiosità: come mai non c'è feeling tra lei e Andrea Cernicchi? "Questo non lo so. Posso però dire che Cernicchi evidentemente non sentiva suoi i lavori della segreteria visto che ha partecipato solo una volta. Ho provato a chiamarlo telefonicamente, era irraggiungibile e per questo gli ho inviato un sms. Tutto qui".
 

Azioni sul documento